Addio al Nubilato Shop

RAGAZZO GHANESE AGGREDISCE I PASSANTI CON IL PICCONE: MORTO UN UOMO, FERITI ALTRI 5 - FOTO

E' morto uno dei cinque uomini aggrediti questa mattina a colpi di piccone. La vittima si chiama Alessandro Carolè. Gli altri quattro sono feriti. Secondo quanto emerso, si tratta del gesto di un folle, un uomo di origini ghanesi, Mada K., già fermato dai carabinieri: le aggressioni e i ferimenti sarebbero avvenuti infatti casualmente, per strada, senza alcuna motivazione apparente.
E' accaduto poco dopo le 6.30 del mattino in un quartiere periferico di Milano quando l'uomo ha cominciato a colpire i passant trovati in strada a quell'ora. 

Il giovane ghanese fermato ha precedenti penali e non risulta in regola con i documenti. Era stato foto-segnalato nel 2011, in Puglia, e intimato all'espulsione. Secondo indiscrezioni, successivamente sarebbe stato identificato durante un normale controllo circa un mese fa a Milano. 

L'uomo deceduto, alla clinica della Città Studi dove era stato trasportato, era apparso subito in condizioni disperate. Si tratta di un 40enne, colpito da una picconata alla testa in piazza Belloveso. Tra gli altri quattro feriti ci sono un 64enne colpito al capo e un 21enne, colpito più volte alla schiena, forse mentre cercava di scappare.

Parroco: "Sconcerto tra la gente" - "Le persone che ho sentito dicono che si tratterebbe del gesto di un folle, ma sono commenti del momento, certo sono tutti sconcertati ma di più non saprei dire, ho avuto frammentarie notizie dai miei parrocchiani": lo ha detto il parroco della chiesa di S. Martino in Niguarda, che si trova in piazza Belloveso, nei pressi del luogo dell'aggressione. "Io stamani - spiega il sacerdote - quando sono sceso dall'abitazione per aprire la chiesa ho sentito le sirene di polizia e carabinieri. Poi alcuni parrocchiani mi hanno detto che c'era stata questa cosa, si sono formati capannelli di persone che commentavano l'accaduto. Certo c'era un po' di preoccupazione tra i miei parrocchiani ma adesso la situazione è sotto controllo".

La ricostruzione degli investigatori - Mada "Adam" Kabobo, il ghanese irregolare e senza fissa dimora di 21 anni che stamani, a Milano, ha ferito tre persone (una delle quali poi è deceduta) ha infierito sulle vittime con folle ferocia. Il particolare è emerso dalle testimonianze raccolte dai carabinieri intervenuti sul posto, che lo hanno immobilizzato e fermato. L'uomo, irregolare e con precedenti, che era in evidente stato di alterazione, ha agito in modo seriale, ferendo gravemente i tre passanti in tre strade limitrofe in appena 10 minuti. Su almeno due delle tre ha agito colpendo con ferocia, anche dopo che le sue vittime erano riverse a terra. In particolare, nel caso dell'uomo ferito in piazza Belloveso (poi deceduto in ospedale) ha infierito con quattro colpi alla testa, che hanno causato la rottura della teca cranica, e un colpo all'addome. Il ferito più giovane, aggredito in via Monte Rotondo, è stato colpito tra spalle, collo e testa. Anch'egli versa in condizioni gravissime. Prima di allontanarsi l'omicida ha portato via cellulari e portafogli, ma secondo gli investigatori è poco probabile che una tale violenza si possa inquadrare con un movente legato alla semplice rapina.

Feriti ricoverati al Niguarda - E' in camera operatoria sottoposto a un intervento neurochirurgico per gravi lesioni vascolari-cerebrali, uno dei feriti nell'aggressione di questa mattina a Milano. Lo rende noto Niguarda, precisando che nello stesso ospedale è ricoverato un altro paziente con diagnosi di trauma cranico e facciale con fratture in prognosi riservata. Un terzo paziente è stato dimesso dopo essere stato visitato per trauma minore a un arto superiore.
Acquista spazio pubblicitario su Io Vivo A Roma
Altri post di Io Vivo a Roma
SALTO DELLA MORTE FATALE A NIETO, ORA E' IN GRAVISSIME CONDIZIONI - 23/04/2016
Il back flip, un salto mortale all'indietro. Jamie Nieto, coach della University of Southern California di Los Angeles, stava mostrando a un gruppo di saltatori la manovra da compiere ma la...
ABBIAMO TEMPO FINO AL 15 MAGGIO PER NON INCORRERE IN QUESTA MULTA PAZZESCA - 17/04/2016
Se sulla vostra auto avete messo le gomme invernali sappiate che avete ancora pochi giorni per cambiarle e tornare a quelle estive. Le sanzioni in caso ritardaste sono severissime. Dal 15 aprile...
L'AMANTE GLI SCRIVE: ''SONO INCINTA'' SU WHATSAPP. ECCO L'ESILARANTE REAZIONE DI UN UOMO - 28/02/2016
Sono incinta e il bambino è il tuo". Questo è il messaggio che un uomo, poco fedela alla sua compagna, si è visto recapitare su Whatsapp dall'amante.  Una doccia...
BEVI POCA ACQUA? GLI EFFETTI NEGATIVI VANNO OLTRE I LUOGHI COMUNI: ECCO QUALI - 28/02/2016
Secondo un recente studio, mal di testa e cattivo umore nelle donne spesso non sono causati solo dal ciclo mestruale, la disidratazione potrebbe avere un ruolo fondamentale. La ricerca pubblicata sul...
Comunicazione h24
CETRIOLI E BANANE VIETATE ALLE DONNE MUSULMANE. PROVOCANO STRANI PENSIERI - 28/02/2016
Cetrioli e banane vietate alle donne musulmane; possono portare troppo facilmente a pensieri proibiti.Questo è quanto considerato da un religioso islamico che vive in Europa e classifica come...
IL SEGRETO PER VIVERE A LUNGO? FUMARE MARIJUANA TUTTI I GIORNI, PAROLA DI UNA DONNA DI 125 ANNI - 28/02/2016
In quest’articolo, facciamo riferimento alla storia di Fulla Nayak, donna morta di recente in India all’età di 125 anni.La donna, fin da quando era bambina, fumava canapa ogni...
UCCIDE LA MOGLIE E SI FIDANZA CON LA SUA SOSIA - 28/02/2016
Due giovani novelli sposi in luna di miele, uno scenario romantico e spensierato che si è trasformato, invece, in un giallo. Gabe Watson e Tina si erano appena sposati e si trovavano in...
LE INVENZIONI CHE NON PENSAVI POTESSERO ESISTERE - GUARDA - 28/02/2016
Quante volte vi siete chiesti come mai alcuni oggetti all’apparenza indispensabili non siano ancora stati inventati. Forse, però, il problema è che non siete al corrente della...
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.